2015bestnine

La fine dell’anno è quel momento spettacolarmente utile a tirare le somme di quanto fatto durante gli ultimi 365 giorni, piangersi alla grande per quanto che non si è riusciti a combinare ma – soprattutto – bullarsi sui social network per quanto si è fighi. Perché su internet siamo più o meno tutti dei supereroi, poco importa poi se nella vita di ogni giorno prenotiamo al ristorante un tavolo per uno: tanto poi fotografiamo solamente il piatto dall’alto, taggando il contenuto della foto con il mitologico #onthetable e via. Vinto l’Instagram, il Pinterest, il Twitter e forse anche il Facebook.
Insomma, alla grande.

Stai parlando di te?
Mi disse il troll.
No, sto parlando di #stocazzo e generalizzo alla grandissima, che è sempre molto facile.

Per gli appassionati di Instagram ora è disponibile questo servizio, che si chiama “2015 best nine” che, con il pretesto di riassumere il tuo anno con le immagini top che hai condiviso, ti permetterà -una volta di più- di partecipare a quella splendida attività che i tecnici chiamano celolunghismo 2.0.

Come funziona?

Il tutto è piuttosto semplice:

  1. (Vai sul sito) Inserisci l’username che utilizzi su Instagram. Volendo puoi farlo anche con un nickname che non è il tuo, dato che non si collega al profilo tramite permessi o altro, ma non so bene perché dovresti.
    Ad ogni modo in via teorica puoi farlo.
  2. Il servizio si mette a pasturare un poco e poi ti smarmella (o restituisce) come risposta un collage composto dalle nove foto che hanno ricevuto più like nel 2015, inerenti al nick che hai dato in pasto al sistema.
    now-generating
  3. A questo punto potrai condividere su Instagram (ma potenzialmente anche stamparti un poster -non ad ottima definizione in questo caso a dire il vero-), o su qualsiasi altra piattaforma, questa immagine non dimenticandoti di utilizzare l’hashtag #2015bestnine. Così anche la tua immagine finirà nel grande calderone del celolunghismo digitale.

Ho fatto una prova con il mio profilo @onthesup e il risultato finale è l’immagine che puoi vedere, dove in calce vedi riportati anche il numero totale dei like ricevuti durante l’anno e quello dei contenuti condivisi.

onthesup_full

Il giochino di per sé è una genialata perché mediamente un fruitore di Instagram non andrebbe mai a condividere una porcheria come un collage: di app per realizzare manualmente questo tipo di immagini ne esistono a palate ma, guarda caso, di collage in giro se ne vedono sharati veramente pochi. Il conteggio dei like ricevuti è fondamentale nel discorso del celolunghismo perché su questa piattaforma siamo un filino ossessionati dai numeri, figuriamoci quanto belle ci possono apparire cifre grandi come queste, anche se dovute alla somma di centinaia di addendi.
Detto questo, ora dirò il contrario: puoi scegliere anche la versione solo immagini (quindi senza il conteggio like etc): in questo modo potrai condividere il collage in formato quadrato, come tradizione vuole, annotarti i numeri che ti aveva sharato l’altra versione e poi scriverli nella caption 🙂

picture-only

C’è comunque da dire che  vedere quali siano le 9 immagini più apprezzate dai propri follower incuriosisce parecchio e la loro unione, in via di massima, darà vita quasi sempre ad un insieme piacevole essendo comunque un best of, e quindi presumibilmente la combo di nove belle foto.
Insomma si presta abbastanza bene a diventare virale e, non ha caso, lo è già diventato.

Buon divertimento quindi, fammi sapere com’è andata e se il risultato ti è piaciuto!
Potrò fare qualcosa in caso contrario?
No, perché non sono lo sviluppatore, ma nel caso tu volessi migliorare la tua esperienza su Instagram, potresti pensare di comprare il mio libro che fino al 6 gennaio 2016 sarà in vendita (in formato digitale) alla magica cifra di 3,99 euro. Vabè è un auto-marketta clamorosa, però ci stava.

Enjoy!

 

stailuan

Andrea “Style1” Antoni è un grafico freelance ed un graffiti writer, ambassador di GoPro e Roberto Ricci Designs.
Scrive post a tempo perso e perde tempo scrivendo post, ma vive di grafica. Nel febbraio del 2015 è uscito il suo primo libro “Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche“, pubblicato da Dario Flaccovio Editore.
Nel 2017 è diventato per tutti “il grafico che gira il mondo fotografando le mazzette pantone” grazie all’improvvisa viralizzazione del suo progetto Instagram #STAILtone.
More info

You may also like...

Commenti dal faccialibro


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *