A Carnevale ogni APP vale.

E insomma per il Carnevale 2012 ci siamo vestiti da app.
Molto geek, molto nerd, molto mainstream, molto apple addicted (ma anche no), la soluzione al quesito che ogni anno ci si pone (da che cavolo ci mascheriamo per carnevale?) l’ha clamorosamente trovata l’unica persona del gruppo che non ha nessun smarphone, tablet o cavoli vari.

L’idea precedente era quella di vestirsi da pezzi del tetris, per quanto carina è però una cosa già vista (da me direttamente no, ma se cercate in rete è carico di gente che lo ha già fatto); ipotesi che però portava criticità enormi dal punto di vista della grandezza degli elementi e dalla Bora che soffia in queste zone che ci avrebbe ribaltato violentemente.
Di conseguenza le APP si sono rivelate un’ottima idea: potenzialmente era estendibile a un gruppo illimitato, se ci fossimo presentati in una grande città invece che in Friuli dove in molti non capivano cosa fossimo, saremmo stati i king della festa.
Per farvi capire il livello di comprendonio delle feste in zona, il dj di radio fantasy al nostro arrivo è riuscito a dire “Guardate è arrivata l’e-mail!” (guardando Jacopo vestito da Foursquare). NB aveva un Mac Book Pro sul palco al suo fianco. E’ da ricordare che lo stesso DJ ha chiamato sul palco per celebrare un genio vestito dal robot degli LFMAO scambiandolo prima per EMILIO, e poi per il robottino che fa da aspirapolvere automatico.
Ve li allego in successione, tanto per farvi capire le somiglianze.

Onore e gloria anche al tipo che si è avvicinato alla mia morosa e, riferendosi al logo apple storpiato che ci eravamo dipinti sul lato B del costume (allego foto)…

… ha esordito con una di quelle battute viscidissime, piene di secondi fini, che solo alcuni maschi riescono a concepire :”ma se la mela rappresenta il frutto del peccato, la pera…?“. Sentendosi rispondere un banale quanto definitivo :”La pera no.
Cioè boh, a volte ve le cercate, ve le trovate, ve le prendete. Bravi.
Se volete vedere lo special fotografico vi rimando al post mio sito ufficiale: http://www.andreaantoni.it/2012/02/carnival-app/

stailuan

Andrea "Style1" Antoni è un grafico freelance ed un graffiti writer, ambassador di GoPro e Roberto Ricci Designs. Scrive post a tempo perso e perde tempo scrivendo post, ma vive di grafica. Nel febbraio del 2015 è uscito il suo primo libro "Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche", pubblicato da Dario Flaccovio Editore. Nel 2017 è diventato per tutti "il grafico che gira il mondo fotografando le mazzette pantone" grazie all'improvvisa viralizzazione del suo progetto Instagram #STAILtone. More info

You may also like...

Commenti dal faccialibro


8 Responses

  1. Davide Zamberlan ha detto:
  2. Giuli ha detto:

    Con che materiali li avete creati??
    Grazieee!! 🙂

  3. Ottimo spunto di creatività. Complimenti al blog e all’autore per l’articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *