Grafica

arriva Helvetica Now: le reazioni

È notizia di questi giorni la distribuzione di Helvetica Now, carattere che va a rinnovare uno dei font più famosi e importanti di sempre. Monotype dice di avere riprogettato “rispettosamente e con molta attenzione“, per l’era moderna questo famosissimo carattere, che sappiamo essere una sorta di dogma intoccabile per tutti i grafici del mondo.

Per la prima volta, dopo 35 anni, il font Helvetica viene ridisegnato, puoi leggerne un interessante articolo qui , e stanno già chiaramente iniziando ad arrivare le prime reazioni da parte degli addetti ai lavori.
In questa infografica un poco ve li riassumo, un poco ve li anticipo, e in questo post ve li spiego.

Introduzione

Il mondo della grafica e del design è popolato da una serie allucinante di personaggi tra l’epico, il mitologico e il disprezzabile. In realtà come tutti gli ambienti lavorativi, ma forse un poco peggio. Dico “peggio” forse solo perché lo conosco meglio e mi piace pensare di essere nella peggiore dei gironi infernali possibili, riversando quindi a tutto il resto dell’umanità la speranza di rapportarsi con persone migliori.
#einvece

Parlare di grafica e design con un proprio collega è nella stragrande maggioranza dei casi tempo perso, perché tutti sanno tutto, tutti sono migliori di tutti gli altri e – soprattutto – tutti nutrono rancore nei confronti della società che non apprezza abbastanza il loro operato e non li incorona “imperatori del design“.
Io per primo, ovviamente.
È possibile farlo solo quando i ruoli sono ben definiti e distanti del tipo: stagista VS vincitore del Compasso d’Oro, quando invece le posizioni passano ad Art Director Senior (con 20 anni di espierienza) VS Art Director Junior (con 4 mesi di corso serale) le distante risultano già essere troppo ridotte e il secondo penserà che il primo sia un vecchiominkia che non capsice un catso, tarpa la sua creatività e dovrebbe farsi da parte per dare largo ai giovani.

Bene, dopo questa leggera spolverata sul mondo dei creativi, sei pronto ad entrare nello specifico di quelle che sono, e saranno, le reazioni ad una novità della madonna come questa.

iMigliori

il 25% dirà “io lo avrei fatto meglio”.
Non esiste creativo che non avrebbe “fatto meglio” l’operato di un altro creativo.
Poi che se non ci fosse stato il secondo a realizzarlo, lui non avrebbe mai potuto sentenziare questa minchiata, poco importa.
Il mondo della grafica è sempre popolato solamente da avversari che non sanno niente, non capiscono niente e io avrei fatto comunque un lavoro migliore. Figuriamoci nel momento in cui si va a toccare un carattere considerato intoccabile al pari della sfericità della terra.
Eh ma la terra non è sferica, è un geoide“.
Ah, mi dicono dalla regia che ultimamente va in voga dire nuovamente che sia piatta.
Ok.

iRaffinati

Il 12,5% dirà che per lui, o lei, non è un problema se siano state apportate delle modifiche all’Helvetica perché tanto non lo usava, mente il carattere migliorissimo di tutti è – segue nome di altro font che quasi nessuno conosce ma fa molto figo-.
Quando non hai grossi argomenti è infatti sempre molto bello dichiararsi anti-mainstream considerandoti nel giusto solo perché fai le cose diversamente. Poi che vadano bene o meno non conta, tu hai letto che è importante “be different” e quindi Bidifferenti. Poi se fai schifo al razzo tanto è sempre colpa della società che non ti capisce, tu sei avanti anni luce.
Ad ogni modo che sia Neue o Now tu sei troppo smart e proiettato into the Future per perdere tempo con queste bazzecole.

iNdignati

Anche nel mondo creativo abbiamo gli indignati.
Sono i vecchi dentro.
Li stimo al 12% delle reazioni.
Qualsiasi sia una novità sarà comunque una merda perché non è ipotizzare apportare modifiche a qualcosa che per loro è già una meraviglia. Poi che per loro sia meravigliosa perché altri gli abbiano detto che sia meravigliosa, e non perché ci siano arrivati seguendo un loro percorso è un altro discorso.
Servirà un poco di tempo ma, entro 8 mesi, lo useranno tutti dicendo di non aver mai parlato male di questa novità.
Consiglio screenshot su eventuali sparate sull’argomento.

iNflessibili

Il 25% dirà che non scenderà mai così in basso e utilizzare questa nuova versione di Helvetica.
Il loro essere snob glielo impone.
Alla fin fine sono un ramo degli indignati, ma più virati al pratico rispetto al dogmatismo degli precedenti.
Resta il fatto che, anche loro, tempo di trovare il modo di scaricarlo pirata, inizieranno ad utilizzarlo per poi negare di aver mai detto che non fosse un font adeguato. Se usate Instagram è una categoria in tutto e per tutto simile a quelli che dissero che non avrebbero mai abbandonato il formato quadrato in favore di quello rettangolare, quando la app fece questa implementazione.
Poi sappiamo come è andata.

iFanatici

Li ho segnati al 3,5 % solo perché ho disegnato male la fetta di torta nel grafico e, siccome le infografiche le disegno a mano, non avevo voglia di rifarla. Questa è una lobby potentissima dei grafici e risponde abbastanza ai FanBoy, ma con meno argomenti ancora. Sempre sia possibile.
Apple è bene.
Sempre.
Helvetica è giusto.
Sempre.
Tutte le novità di Apple sono splendide.
Sempre.
Una novità di un font già meraviglioso non può che essere strepitosa.
Hanno già comprato 40 licenze di utilizzo e ordinato un nuovo iMac dove installarle perché non vorrai mai usare un font così prodigioso in una macchina datata con più di 6 mesi.
Mandano avanti l’economia, fanno un poco girare le balle, ma tendenzialmente non sono cattivi: riempiono il loro vuoto pneumatico con brand famosi e cose che gli altri dicono essere belle o funzionali solo per trovare collocazione della loro persona.

iSuperiori

Stimate al 7% del totale, queste persone saranno felici di essere state finalmente capite.
Troveranno il loro posizionamento sull’asserire che l’Helvetica fosse vetusto e che loro già da tempo lo avevano pensato così e che finalmente qualcuno si è degnato di dare ascolto alle loro lagne e che, anzi, in realtà loro hanno in mente già un font Helvetica Future ben diverso dal Now ma più in linea con i gusti del 2043.

iAntimodernisti

Ipotizzabili nel 9% dei responsi, sono quelli che diranno sempre e comunque che non sarà mai come l’originale.
Abbiamo realizzato il teletrasporto!” risposta “eh ma non sarà mai come quando per andare da Trieste a La Spezia per la visita di leva prese 45 treni merci, incontrari persone con cui strinsi legami di vita, raccolsi un cane abbandonato nella stazione di Ferrara e lo donai a una signora anziana nei pressi di Busto Arsizio. Quelli ero tempi in cui il viaggiare aveva senso e si stringevano veri rapporti umani, non come ora.”.
Ecco.
Sono quelli che saltavano i fossi per lungo.
Con la grafica e l’Helvetica, uguale

iGuthenbergatori

Quotati al 5%, sono una nicchia di Disprezzatori, che stanno ancora impaginando la Bibbia con i caratteri mobili.
Cosa che tra l’altro gli riesce anche bene, ed è anche qualcosa di splendido da saper fare, ma intanto il mondo è andato avanti, sebbene loro non lo accettino e – anzi – schifino fortemente data l’inarrestabile discesa da un ipotetico periodo elevatissimo venuto prima (ma che nessuno sa collocare bene quando, però prima).
Utilizzano Corel Draw perché millantano essere meglio, nascondendo la specificità che ne comprarono la licenza nel 2002 per poi non spendere più un euro e, dovendo proprio usare il computer, impaginano con Xpress perchè InDesign è una cosa che non si può vedere (negando il fatto che sono troppo pigri per imparare ad utilizzare un programma nuovo).
Sono quelli che dicono cose tipo che “quando c’era lvi i progetti venivano consegnati sempre in orario” e cose del genere.
Non il massimo a livello di scambio di opinioni insomma.
Ditegli sempre di “si” in modo tale da dargli ragione e non entrare in dei loop di discussioni senza uscita.

Il resto è storia nota, però in Helvetica.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cose Brutte Impaginate Belle (@cosebrutteimpaginatebelle) in data:

You Might Also Like

No Comments

    Leave a Reply