Dal Vangelo di Stailuan 1.4

In quei giorni Stailuan si recò presso Inistazie, città di origine babilonese, situata tra la Macedonia e la Nuova Papuasia, abitata da terrificanti predoni di sciarpe color ciano e ciambelle al gusto di nafta.
Inistazie in quell’epoca era un importante centro tecno-teologico, nonchè teoretico e teoricamente tecnico, ma perloppiù era nota per le sue vie mai lastricate e quindi quasi impercorribili.
Stailuan venne chiamato dal sovrano per risolvere il grosso problema e lo fece con quello che fu ricordato come “de miraculandia de legnutis inter stradae et camminamentibus“. In pratica fece lastricare tutte le strade di palchetti in legno d’ebano e di tech.
Fece anche obbligatorio l’uso delle pattine per tutti gli abitanti della città in modo tale che la pavimentazione non si rovinasse e tutti furono felici in quanto gli anni seguenti furono floridi di turismo da parte di persone che andavano a pattinare sul legno. Unico problema le abrasioni, cadendo ad alta velocità più di qualche viandante per l’attrito si incenerì all’istante.
Gran fortuna fu anche quella dei gommisti, soprattutto per quanto riguarda le biciclette, in quanto con una striccata andava lacerandosi all’istante gomma, camera d’aria, cerchione e parte del telaio.
Fatto questo Stailuan salutò calorosamente il sultano di Inistazie e continuò il suo cammino verso il tempio dove i Savi ancora lo stavano attendendo.
Il resto è storia nota, cioè.

stailuan

Andrea "Style1" Antoni è un grafico freelance ed un graffiti writer, ambassador di GoPro e Roberto Ricci Designs. Scrive post a tempo perso e perde tempo scrivendo post, ma vive di grafica. Nel febbraio del 2015 è uscito il suo primo libro "Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche", pubblicato da Dario Flaccovio Editore. Nel 2017 è diventato per tutti "il grafico che gira il mondo fotografando le mazzette pantone" grazie all'improvvisa viralizzazione del suo progetto Instagram #STAILtone. More info

You may also like...

Commenti dal faccialibro


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *