Old but gold

Eric Gill e l’allevamento di Krampus.

Troppo giorni che non scrivo nulla su questo blog, scusate, ma tra ginocchio distrutto e lavoro quasi inesistente, le mie giornate ultimamente sono abbastanza piatte e prive di eventi da raccontare.

Ad ogni modo, in questi giorni mi sono messo a leggere nientemeno che “Sulla tipografia” di Eric Gill. Chi è? Quello che ha disegnato il Gill Sans. Che cosa è il Gill Sans? E bon insomma…o siete grafici un poco nerd o no, quindi se lo siete capite senò vonde. Io in realtà tanto nerd non lo sono, e di font ci capisco anche poco, ma sono involontariamente spinto a cercare di esserlo. E insomma in questo bellissimo libercolo sto scoprendo che il caro Eric aveva molte vedute assimilabili alle mie: bravo! (No non ve le elencherò) Direi che se anche io avessi disegnato una font iper famosa, potremmo essere culo e camicia insomma.

E infatti io gia mi vedo a disegnare la mia font: il TANTON SERIF, disegnata chiaramente a caso e ad occhio, muovendomi a sentimento, un poco come faccio sempre ottenendo risultati interessanti, più difficile che cià avvenga nel disegno di un carattere.

E insomma io mi vedo a vivere isolato sui monti, e ho trovato la mia base in Carnia, a Curiedi di Fusea, la dove nel 1997 arrivai secondo ai Campionati Regionali di Mountain Bike. E vivrò in questo enorme casale, disegnando font, facendo formaggio e polenta, allevando krampus, progettando slittini e intagliando diavoli nei ceppi di legno.
Il formaggio lo otterrò dal latte di krampus che andrò giornalmente a mungere sperando di non essere troppo massacrato di botte, la polenta è polenta insomma. Non c’è Friuli se non c’è polenta, quindi da qualche parte salterà fuori e sarà nutrimento fondamentale della mia povera dieta. Le font che disegnerò probabilmente saranno così brutte che nessuno le comprerà mai, ma questo fomenterà il mio essere borderline dalla massa e dalla civiltà. I krampus sono il mio sogno, e solo l’idea di averne un allevamento mi riempie il core. Gli slittini li userò per scendere a valle, prima del disgelo, e andare a vendere nei mercatini i miei satanassi che la sera intaglierò nei ceppi di legno, di fronte al focolare nel quale sarà in cottura la polenta.

Ah si, così io mi vedo e così sarà.

Grazie ho finito.

You Might Also Like

8 Comments

  • Reply
    martina
    3 Novembre 2009 at 19:19
  • Reply
    LenAine
    4 Novembre 2009 at 07:50
  • Reply
    Style1
    4 Novembre 2009 at 08:38
  • Reply
    Macs
    4 Novembre 2009 at 09:27
  • Reply
    Style1
    4 Novembre 2009 at 09:59
  • Reply
    LenAine
    4 Novembre 2009 at 12:24
  • Reply
    sbin
    4 Novembre 2009 at 12:38
  • Reply
    LenAine
    4 Novembre 2009 at 13:35

Leave a Reply