Ho comprato una stella

Ci sono voluti 36 anni per arrivare ad uno dei momenti più esaltanti della mia inutile esistenza: ho comprato una stella.

Prologo

In molti di voi, quasi nessuno a dirla tutta, sa che lo scorso anno ho vinto un concorso su Instagram. Partecipo pochissime volte ai concorsi perché, come vi spiegai in passato, metto a bilancio le ore spese per realizzare una proposta con le possibilità di vittoria, realizzo che quasi sicuramente lavorerei per nulla e quindi desisto. Partecipo solo quando o le possibilità di vittoria sono (a mio avviso) alte o quando il lavoro da fare per me è poco (perché ho un’idea buona in un attimo oppure ho già il materiale pronto) e quindi in caso di vittoria avrei massima resa con minima spesa.
Sono abbastanza pessimo, lo so: ma il tempo è denaro, e se non è denaro e tempo libero, non lavoro.

Instagram

Resta il fatto che lo scorso anno ho partecipato ad un concorso su Instagram pubblicando alcune foto con l’hashtag #estate5sensi, e il mio scatto ha vinto. E che cosa ho vinto, visibilità? Ma va, ti pare che io partecipi a un concorso dove si vince fuffa? Ci vuole concretezza: si vinceva un buono da mille euro. Che ora detengo. Il cash è stato accreditato sul mio profilo Groupon e, ogni volta che realizzo un acquisto, viene scalata la percentuale di denaro spesa. Tutto molto bello, soprattutto perché gratis.

Groupon

Groupon è il luogo geometrico dei punti del piano delle offerte incredibili, dove trovi coupon di cene, epilazioni, vibratori, aspirapolveri e… stelle.
Da sempre io sono impegnatissimo nella ricerca di minchiate in rete che rendano migliore la mia noiosa esistenza: ricordiamo con affetto il costume da unicorno con il quale ho pagaiato più volte sul sup, o la maschera da octopus con cui ho messo a ferro e fuoco la Valtellina durante il tour di inLombardia365.
La possibilità di comprare una stella non poteva sfuggire ai miei radar.

Tra il dire e il fare…

Il problema è che tra il dire e il fare… c’è di mezzo il disagio.
Per me questo acquisto era un must, per la mia morosa una stronzata, per i miei amici una cosa assolutamente assurda. E quindi da fare.
Sono più volte arrivato al momento del click su “acquista” per poi desistere, ma l’altra sera, poco prima di addormentarmi, complice il delirio da sonnolenza l’ho acquistata.
Ed è stato subito amore.

Acquisto

Il coupon ti viene accreditato nell’apposita sezione del profilo e da li vai a fare l’acquisto sul sito. La procedura è piuttosto snella: ti vengono chiesti un pochi di dati personali, e la tipologia di stella che vuoi adottare. Quindi ti verrà recapitato una e-mail con un documento, a mio avviso trashissimo, in cui viene “certificato” che una stella di nome assurdo ha ora il nome che le hai dato tu.
Nel mio caso Leo RA 11h 43m 60s D 16° 22′ è la fortunata stellina che ora prende il nome di STILUTIS1.
Oltre a questo ti viene consegnata la mappa stellare per poter vedere dove sia collocata la tua stella.

Concludendo

Il claim dice di regalare la stella ad una persona speciale, io ho pensato di essere specialissimo per me e che l’universo avesse bisogno di una Stilutis1 e così ho deciso di passare all’acquisto. Il costo dell’operazione è di 19,99 €, il senso dell’operazione è nullo, il gesto in se potrebbe essere anche molto bello.
Massima stima e rispetto interstellare per chi ha avuto l’idea di fare soldi in questo modo.

Concludo ricordando che questa non è una marketta o un post sponsorizzato, sono semplicemente esaltato dall’azione assurda che ho portato a compimento e volevo così condividerla con voi tutti tramite il mio blog che, da sempre, è un luogo che contiene cose di questo tipo. Anche se di solito non così luminosamente ignoranti.

stailuan

Andrea “Style1” Antoni è un grafico freelance ed un graffiti writer, ambassador di GoPro e Roberto Ricci Designs.
Scrive post a tempo perso e perde tempo scrivendo post, ma vive di grafica. Nel febbraio del 2015 è uscito il suo primo libro “Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche“, pubblicato da Dario Flaccovio Editore.
Nel 2017 è diventato per tutti “il grafico che gira il mondo fotografando le mazzette pantone” grazie all’improvvisa viralizzazione del suo progetto Instagram #STAILtone.
More info

You may also like...

Commenti dal faccialibro


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *