Il filtro Amaro di Instagram

Attualmente instagram ci permette di pubblicare una fotografia modificandola con venti filtri, o meglio con 19 in quanto il primo proposto è il “normal” e cioè all’immagine non vengono applicate modifiche.

filtro amaro

Lasciando quindi da parte la possibilità di pubblicare la foto al naturale, il primo filtro che andiamo ad incontrare è “AMARO“. E la bella mongolfiera che vediamo sopra al nome del filtro già ci fornisce una prima idea di come sarà la nostra immagine utilizzandolo.

In via di massima questo filtro va a fornire all’immagine un aspetto un poco “invecchiato”, come se avessimo lasciato una nostra fotografia, stampata su carta, per troppo tempo esposta alla luce del sole. Il filtro va ad applicare un aumento della luminosità al centro dell’immagine e la scurisce in prossimità dei bordi. Viene spesso utilizzato dagli utenti per fotografie scattate la sera, o comunque con poca luce, perché aumentando la luminosità della parte centrale il filtro ne “tira fuori” gli elementi inquadrati.

È  utilizzato anche come “barbatrucco” in molte selfie: andando infatti ad aumentare la luminosità della parte centrale (quindi del viso), va ad eliminare molte imperfezioni, tirando fuori solo i tratti più caratteristici, rendendo attraenti anche i peggiori lavandini.

Possiamo fare un parallelismo del suo utilizzo con quello del filtro RISE in quanto sono due filtri “similari“, ma mentre Amaro vira maggiormente verso il blu, Rise ha tira le tonalità verso il seppia e le invecchia ancora maggiormente. In via di massima si adattano piuttosto bene un poco a tutte le immagini e possono funzionare bene anche con foto di giocatoli e bambini.

Senza andare a utilizzare altre app di foto ritocco e post produzione, possiamo aumentare le potenzialità di questo filtro anche tramite un eventuale utilizzo dell’anello di messa a fuoco (icona a forma di goccia) e/o modificando la luminosità cliccando sull’icona che riporta la silhouette del sole.

filtro amaro instagram

 

In questa foto, che ho scattato io stesso in notturna a Livigno, notiamo come va a cambiare la stessa se la guardiamo al naturale (prima a sinistra), con l’utilizzo del filtro amaro (seconda), con il filtro amaro e la modifica della luminosità (terza) oppure con il filtro rise.

Buone foto e tanti like a tutti!

follower instagram libro

stailuan

Andrea "Style1" Antoni è un grafico freelance ed un graffiti writer, ambassador di GoPro e Roberto Ricci Designs. Scrive post a tempo perso e perde tempo scrivendo post, ma vive di grafica. Nel febbraio del 2015 è uscito il suo primo libro "Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche", pubblicato da Dario Flaccovio Editore. Nel 2017 è diventato per tutti "il grafico che gira il mondo fotografando le mazzette pantone" grazie all'improvvisa viralizzazione del suo progetto Instagram #STAILtone. More info

You may also like...

Commenti dal faccialibro


2 Responses

  1. 12 Marzo 2014

    […] viene spesso accostato ad Amaro, come ne ho parlato anche qui, però il secondo vira i colori maggiormente verso il blu mentre Rise porta con se delle tonalità […]

  2. 22 Ottobre 2014

    […] ovvero ti permette di cogliere l’azione, l’istante esatto in cui accadono le cose. I filtri di Instagram aggiungono alla riduzione di tempi e peso, anche la possibilitá di mettere in atto una mini […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *