Il filtro Brannan di Instagram

Non c’è due senza tre e il Brannan va da se.

Quello che andiamo a vedere oggi è un filtro capace di virare l’immagine leggermente verso il seppia e potenziarne i contrasti. Potrebbe interessarvi utilizzarlo quando (e se) vorreste dare un aspetto antico ai vostri scatti.

In via di massima aumenta il contrasto delle aree neutre (grigie), lasciando l’immagine con dei colori meno saturi.
Per un utilizzo al massimo delle sue potenzialità potete pensare di applicarlo su scatti molto colorati e ben illuminati: ancora meglio se utilizzato prevalentemente sulle foto di luoghi aperti.
Di base comunque è un filtro drammatico, drammaticissimo: se avete la morte nel cuore e volete esprimerla tramite uno scatto, Brannan è sicuramente l’effetto che fa per voi. Ma lo si capisce già nel momento in cui si va a scandire il suo nome: brannan, brannan, BRANNAN! C’è tanta drammaticità in esso.

Se poi questo mood vi piace così tanto che volete riprodurlo anche da computer, ecco qui un fantastico (e piuttosto semplice) tutorial per ricreare gli stessi effetti, ma tramite photoshop.
Nei tempi che furono ci fu un brevissimo periodo in cui Brannan (assieme al compagno di sventure Early Bird) venne dismesso dalla palette dei filtri. Parlo del 2011, tempo in cui le foto di instagram venivano ancora scolpite sulle pareti delle caverne dai proto-instagramers. Una sorta di rivolta degli utenti fece tornare sui loro passi gli sviluppatori e così siamo arrivati alla seconda metà del 2014 con Brannan ancora tra le balle.

FiltersGraph

Come potete vedere da questo grafico (risalente a qualche mese fa certo, ma comunque interessante per comprendere le dinamiche di questa piattaforma) Brannan è in penultima posizione e precede solo il quasi inutilizzabile Toaster. A mio avviso è un poco una sorpresa perché non lo trovo un filtro così infame. Resta il fatto che la foto priva di filtri (o modificata con app esterne a instagram prima del suo caricamento online), indicata dall’hashtag #nofilter va per la maggiore assieme a Mayfair.

brannan

Ma le parole volano, i filtri restano: ecco quindi il momento di palesare gli effetti di questo filtro su un’immagine.
Questa che vedete è una mia foto, scattata durante il Tour #FVGlive e ha come soggetto un muretto a secco del carso triestino.
Vediamo che la tinta diventa metallizzata ed aumentano esposizione e contrasto.
Il tutto condito da una spruzzata di effetto seppia che porta l’immagine verso il diciannovesimo secolo che era una bell’epoca visto che io e questo blog non esistevamo ancora e non potevamo tediarvi.

Non lasciatelo così in fondo alla classifica: utilizzatelo su, palesate la drammaticità dell’esistenza, utilizzate Brannan.

follower instagram libro

stailuan

Andrea "Style1" Antoni è un grafico freelance ed un graffiti writer, ambassador di GoPro e Roberto Ricci Designs. Scrive post a tempo perso e perde tempo scrivendo post, ma vive di grafica. Nel febbraio del 2015 è uscito il suo primo libro "Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche", pubblicato da Dario Flaccovio Editore. Nel 2017 è diventato per tutti "il grafico che gira il mondo fotografando le mazzette pantone" grazie all'improvvisa viralizzazione del suo progetto Instagram #STAILtone. More info

You may also like...

Commenti dal faccialibro


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *