Missione IKEA.

Missione IKEA: atto primo.

Ebbene si, ci sono andato; non il giorno dell’inaugurazione planetaria ma il successivo. La sera dell’inaugurazione però ammetto che, quando ho portato a casa la mia morosa, ho fatto un volo radente per le nuove strade rotonde e parcheggi Ikea, correndo come un mona, evocando una macchinina elettrica in una pista polistil (con Sabrina a fianco che mi smadonnava in modo discreto, mascherando un livello di fastidio superiore).
Ma lasciando che questi ricordi cadano nel dimenticatoio, la mattina seguente ho effettuato la missione ikea.
Mi serviva qualcosa? No.
Ho comprato qualcosa? Of course. Ma meno di quello che possiate pensare, anche se ho desiderato fortemente la lampada a forma di fantasma, o qualcosa del genere, che probabilmente comprerò prossimamente. Mi serve? No. E’ bella? Boh. E’ mona? Si, abbastanza.

Ma tornando a noi. Entri in IKEA e c’è una parete alta tipo 10 metri con le cucine incassate in delle nicchie a più strati. Cool. Sabrina said:”Così la gente non può fargli le ditate”. Brava :) Ho reso imbecille un’altra persona. :) Più volte nella vita sono stato accusato di rendere stupide le persone al mio fianco, io ho sempre ribadito che un poco voglio essere affiancato solo da persone tali, un poco le aiuto a tirare fuori il loro lato oscuro. Resta il fatto che nel giro di un anno ho distrutto le sinapsi di questa ragazza, potrebbe quindi essere il momento di cambiare morosa :)

Arrivi alla scala mobile e due tipine vestite da svedesine ti offrono i biscotti svedesi. Oh che bello, sono proprio quelli che ho a casa da quando avevo 2 anni e che non mangio mai. Ma dato che qua te li offrono due tipine, finte-svedesine, tuttesorridenti, lo prendo e lo mangio. Buono? Ics. L’essere gratis però aiuta.

Per il resto bon. Ikea è ikea. Un casin di gente. Tantona. Ma il posto è grande e si disperde abbastanza. Ma veniamo alle cose interessanti notate da me:

  • La maggior parte degli orologi, posti nelle ambientazioni di appartamenti, segnano le dieci e dieci. Non tutti, ma molti. Perchè? non lo so.
  • Se sentite musica, e la musica diventa da lieve a fortissima, non siete pazzi: c’è una banda di circa sei persone che va in giro a suonare. Assurdo in Italia, molto svedese come concezione invece.
  • Il ristorante di ikea è una sorta di mensa aziendale, 500 posti, cibo a prezzi bassi ma secondo me anche poco invitanti, l’unica cosa che mi ispirava erano le polpette svedesi, che però avendole gia mangiate in Svezia vi dirò che polpette xe polpette. Svedesi o italiane che siano.
  • Ikea food invece mi ha un poco deluso. Speravo di trovarvici un paio di cibi che erano stati alla base della mia pessima dieta in terra svedese: il polarbrod (o come si scrive) dei panini tondi soffici, tipo pan di toast come concezione di utilizzo, ma assolutamente migliori, i succhi di frutta (100% frutta! Solo…), il peppersalami (una sorta di salame ungherese iperspeziato) e le potatis sallad (patate+maionese a go-go + ingredienti vari a seconda della confezione). Cacchio, non vendono nessuna di ste cose, probabilmente hanno calcolato che in Italia non andrebbero a ruba.
    Ho però preso dei biscotti a forma di lettere dell’alfabeto, esclusivamente per la loro forma; i cetrioli agrodolci gia tagliati (io sono fan di cetriolini e sottoaceti in genere) e una salsa formaggio e gamberi per mio papà.

Questa la mia analisi di IKEA. Fondamentalmente non vi ho detto niente di utile, come sempre. Lascio le banalità da parte, tanto che la ci siano i mobili lo sapete :)

In foto:

  • Foto 1: stailuan e i suoi acquisti.
  • Foto 2: le due svedesi in foto non sono rappresentative delle due tipe che offrivano i biscotti.
  • Foto 3: immagine di repertorio. Elementi della mia colazione in Svezia, inutilmente cercati all’Ikea in Italia.

stailuan

Andrea "Style1" Antoni è un grafico freelance ed un graffiti writer. Vive nel nord est dell'Italia e si sposta in bicicletta o con il sup. E' tra gli organizzatori dei Tweet Awards nonchè uno degli admin della comunità degli Instagramers del Friuli Venezia Giulia. Scrive post a tempo perso e perde tempo scrivendo post, ma vive di grafica. More info

Ti potrebbe interessare anche...

11 Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>