Pensieri & Caffelatte dopo una giornata di 16 ore di lavoro.

Ieri, all’urlo di “O Marte o Morte” [cit.] ho deciso che avrei lavorato ad oltranza, fino a conclusione di tutti i lavori che avevo in piedi, cosa tra l’altro riuscita.

Alle ore 20:00 ho bloccato l’esodo della morosa verso casa mia, alle 23:50 sono andato a continuare i lavori a casa del mio amico Paolo, anche lui impegnato in un’interessante non-stop lavorativa (condita da una serie di monologhi-imprecatori di tutto rispetto).

Attorno all‘una e mezza siamo andati a mangiarci un panino nel (una volta noto) Barachin de Bistrigna (oramai caduto abbastanza in rovina). In questo posto noi prendiamo solamente due panini, o il Grisù o il Grisburger (che è un upgrade del primo). Il Grisù, nome legato al noto draghetto, è un panino piccantemente mortale, la cui piccanteria è calata negli anni ma resta comunque valido. A questo si lega il pensiero del caffelatte odierno: il Grisù è l’unico alimento che dà il meglio di sè il giorno dopo. (in bagno ndr).
Il secondo pensiero che lego è: perchè se mangio piccante il giorno dopo ho bruciori assurdi in non nominata sede, ma se mangio un chilogrammo di nutella non ho dolciori?
Il terzo pensiero l’ho dimenticato scrivendo questi, ma direi che questo basta e avanza per far nascere in voi un interessante dibattito interiore.
In foto: la casetta dei bambini dei miei vicini, in Mago di Oz mood. Il temporale di stanotte ha avuto una potenza interessante.

stailuan

Andrea "Style1" Antoni è un grafico freelance ed un graffiti writer, ambassador di GoPro e Roberto Ricci Designs. Scrive post a tempo perso e perde tempo scrivendo post, ma vive di grafica. Nel febbraio del 2015 è uscito il suo primo libro "Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche", pubblicato da Dario Flaccovio Editore. Nel 2017 è diventato per tutti "il grafico che gira il mondo fotografando le mazzette pantone" grazie all'improvvisa viralizzazione del suo progetto Instagram #STAILtone. More info

You may also like...

Commenti dal faccialibro


2 Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *