Stamattina sono quasi morto.

Stamattina mi trovavo sulla scala e stavo imbiancando, o meglio inverdando, una parete di quello che diverrà il mio ufficio, quando sono stato attaccato da una vespa gigante. Cioè attaccato, boh mi ha tamponato, solo che tra il fatto che le bestie con più di 4 o meno di due zampe mi fanno schifo, tra che se sei chiuso in una stanza non ti aspetti che ti arrivi dal nulla una vespa, tra che questa era una di quelle belle grosse e rosse e ronzava come un garelli smarmittato, bene, mi sono cagato addosso e sono caduto.

Interessante il fatto che sebbene sia caduto all’indietro, non mi sia sfracellato al suolo di nuca, ma sia caduto in piedi, modello gatto. Molto interessante l’altro fatto che nonostante sia andato giu da un’altezza di almeno 1,50 m e abbia un ginocchio con un crociato operato e l’altro con uno sfilacciato, le ginocchia abbiano retto. Il che mi fa pensare a una cosa soltanto: le ginocchia reggono, posso tornare a giocare a calcio. 😀

Un’illuminazione divina? “Torna al calcio Andrea” non penso. Ad ogni modo Giacobbo potrebbe farci una puntata di Voyager su di me, dicendo che o mi hanno salvato gli ufo, che quindi esistono, o un templare invisibile, oppure mi hanno fatto planare gli angeli.

Ho anche pensato che, in realtà, avrei potuto morire seriamente, e la cosa avrebbe dato parecchio fastidio, perchè morire a trent’anni così sarebbe proprio scrauso. Ad ogni modo può succedere e, anche se fa strano, mi son ricordato che prima o poi morirò, e anche tu che stai leggendo. Minghia. E insomma: che mondo sarebbe senza Stailuan? Bah fondamentalmente penso uguale.

Tutto questo per arrivare a cosa, volevo tralasciare un desiderio: quando morirò vorrei essere cremato e se possibile mi piacerebbe che le mie ceneri venissero sparse verso il Cammino di Santiago, dall’Alto del Perdon.

Perchè: beh intanto perchè il discorso della putrefazione mi fa un poco schifo, poi perchè i cimiteri italiani proprio dal punto di vista dell’immagine con i loro inutili sfarzi e marmi e croci, totalmente trash, proprio non mi piacciono. Poi perchè al cimitero nessuno ha voglia di andarci e quindi toglierei un problema ai parenti. Andarmi a trovare in Spagna avrebbe sicuramente più appeal, poi se mi intitolate una piazza per commemorarmi io vi do il mio benestare.

Ora, se dopo questo post io muoio entro breve, non voglio che passi uno di quei cazzo di servizi di Studio Aperto, con musichetta triste e voce piangente che dice robe del tipo “se lo sentiva Andrea, quel ragazzo tranquillo che dipingeva graffiti, lui che sul suo blog aveva chiesto di essere cremato, come se dal profondo sentisse che la sua ora era vicina…“.

NO STUDIO APERTO, NO. Questo è prevenire, perchè se io non lo dico a nessuno, chi cazzo si sogna di fare una roba simile? Quindi oh io lo scrivo qua, se muoio, cremato e polveri disperse dall’Alto del Perdon in Spagna.

Perchè? Perchè c’è una vista splendida, (foto allegata), e perchè c’è una quantità di vento imperiosa. C’è così tanto vento che io lanciai contro la sua direzione il torsolo della mia mela e GIURO, fece una sorta di giro della morte in aria e cadde tipo 50 cm davanti a me. Mistico. Quindi le polveri si disperderebbero bene. Poi non so se si possa fare ma ad ogni modo fregatevene, andate in auto, portatele in una scatoletta ics, disperdete, poi andate a farvi un giro a San Sebastian, a Pamplona, poi se volete fate un salto in giu verso Barcellona e quindi tornate a casa.

Sperando che facciate questo molti anni a distanza di questo post, vi auguro una buona giornata.

ENJOY.

stailuan

Andrea "Style1" Antoni è un grafico freelance ed un graffiti writer, ambassador di GoPro e Roberto Ricci Designs. Scrive post a tempo perso e perde tempo scrivendo post, ma vive di grafica. Nel febbraio del 2015 è uscito il suo primo libro "Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche", pubblicato da Dario Flaccovio Editore. Nel 2017 è diventato per tutti "il grafico che gira il mondo fotografando le mazzette pantone" grazie all'improvvisa viralizzazione del suo progetto Instagram #STAILtone. More info

You may also like...

Commenti dal faccialibro


3 Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *