Vasche nel Salone.

Come vi dicevo sabato e domenica sono stato a Milano a vedere il “Fuori Salone” ed il “Salone Satellite” del Salone del Mobile: insomma Saloni.

Sono tornato a casa con un pallet di biglietti da visita, quasi tutti brutti, che sinceramente mi hanno lasciato un poco di amaro in bocca: speravo di tornare nelle lontane provincie dell’Est con spunti interessanti, dopo esser stato pervaso da creatività dilagante, e invece sono tornato a casa “ICS“, come sono sempre insomma. Devo anche dire che aspettarmi di trovare qualcosa che mi desse emozioni, a me che fa schifo un poco tutto (in primis quello che faccio io), era anche un’aspettativa alta.
Ad ogni modo di creatività ne ho vista, ma forse era così creativa che per me, semplice percorritore di strade carsiche, era di difficile comprensione.
Spettacolari, ma aimè non ho fatto foto in merito, due vasche. Io non ho fatto grandi studi di design, ma mi è stato insegnato che più o meno il compito del design sia quello di risolvere dei problemi, beh quest’anno evidentemente è molto sentito quello delle vasche da bagno.
Ne ho vista una spettacolare, a doppio scarico dell’acqua (comodissimo) che si gira e diventa lavandino. Perchè? Buh, io sinceramente lo ignoro. Tra noi si è parlato di problemi di spazio, però è anche vero che se ho problemi di spazio è perchè ho la casa piccola, e se ho la casa piccola significa che ho pochi soldi e presumibilmente quella vasca potrebbe costare come metà della mia presunta casa.
Ad ogni modo la seconda vasca vince. Ma vince di brutto. Era nientemeno che una monoscocca in carbonio, che si cappottava di 90° sul lato corto e diventava una poltrona. Una poltrona? Si una poltrona. Con i cuscini? No, in carbonio. Comoda? Uh, un casin.
E soprattutto: e lo scarico? No.
Come no?
No, era semplicemente una tinozza nera, in carbonio, che quando la fai divenire poltrona ti svuota mille litri di acqua in casa: chi non la vorrebbe.
In foto:
1- Casa con Girandola, motivazione non so, però bella, Fuori Salone, Milano.
2-Robe luminescenti, mi ci farei il giardino, Fuori Salone, Milano.

stailuan

Andrea "Style1" Antoni è un grafico freelance ed un graffiti writer, ambassador di GoPro e Roberto Ricci Designs. Scrive post a tempo perso e perde tempo scrivendo post, ma vive di grafica. Nel febbraio del 2015 è uscito il suo primo libro "Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche", pubblicato da Dario Flaccovio Editore. Nel 2017 è diventato per tutti "il grafico che gira il mondo fotografando le mazzette pantone" grazie all'improvvisa viralizzazione del suo progetto Instagram #STAILtone. More info

You may also like...

Commenti dal faccialibro


1 Response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *