Vuvuzelas VS Scarassule.

Sono iniziati i mondiali di calcio sudafricani, e di fa un gran parlare (o forse un gran sentire) delle Vuvuzelas, trombe da stadio della lunghezza approssimativa di un metro, comunemente usate in Sudafrica dai tifosi che assistono alle partite di calcio.

Simbolo dei mondiali, e del calcio sudafricano, resta il fatto che settantamila persone che le suonano contemporaneamente vanno a creare un frastuono non indifferente. Non è un caso che sia i calciatori (anche giustamente) ma pure i media e le televisioni in particolare, si siano lamentati di questo suono modello “gioco all’interno di un vespaio” e si stà parlando di proibirle.
Sono talmente fastidiose che io penso che quanto gli angeli suoneranno i famosi 7 squilli di tromba per annuntiare l’Apocallisse, in realtà suoneranno le vuvuzelas.

Resta il fatto che io me ne sono comprato una su ebay e la sto aspettando con trepidazione, perchè si sa, quando c’è da produrre rumore e fastidio, io sono sempre in prima fila. Come un abbonato RAI.

Però, se tutto il mondo si sta ponendo il problema del frastuono portato da questi strumenti tanto carini, io ho una controproposta: lo stadio pieno di SCARASSULE.
What’s scarassula?

SCARASSULA means RAGANELLA.


Come dice Wikipedia:
La raganella è uno strumento musicale a raschiamento in legno, che produce suoni brevi e secchi tramite la rotazione di una lamina flessibile che viene raschiata da una ruota dentata fissata su un manico o su una manovella. Con la tipologia a manovella l’esecutore può controllare le dinamiche e la fluttuazione tremolata del suono.

Già uno strumento che funziona “a raschiamento” la dice lunga su quanto sia prò: io ci farei le serenate per la morosa (chissà che felice).
Ad ogni modo abbiate con me questa visione onirica: io già vedo uno stadio da ottantamila posti gremito di tifosi, e che almeno 60mila, ma abbondiamo su, non siamo tirchi, 70mila persone con raganella in mano che la fanno roteare al cielo. A parte che secondo me su 70mila persone, 10mila se la danno per la testa con il vicino, facendo scaturire una rissa di quelle colossali; ma restando a una visione priva di risse: immaginatevi il rumore.
Io penso che il peggiore degli incubi non sia accostabile al suono di 70mila di queste. Aiutatemi in questo progetto vi prego, è una cosa assolutamente splendida.

Concludo parlando nuovamente di vuvuzelas, inserendo un mini botta e risposta via Twitter tra me e @appiccicati:

  • Un’altra splendida giornata di #vuvuzelas è alle porte. @appiccicati
  • @stailuan ma secondo te con tutta l’aria che ci soffiano dentro le #vuvuzelas che ci si può fare?
  • @appiccicati si può far funzionare una mega #vuvuzela con una potenza sonora che raderebbe al suolo NY 😀
  • @stailuan ottimo, se iniziamo a lavorarci oggi sarà pronta per il 2012 😉
  • @appiccicati si dai *___* io cmq sono per il mio progetto “scarassule negli stadi” altrochè #vuvuzelas

stailuan

Andrea "Style1" Antoni è un grafico freelance ed un graffiti writer, ambassador di GoPro e Roberto Ricci Designs. Scrive post a tempo perso e perde tempo scrivendo post, ma vive di grafica. Nel febbraio del 2015 è uscito il suo primo libro "Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche", pubblicato da Dario Flaccovio Editore. Nel 2017 è diventato per tutti "il grafico che gira il mondo fotografando le mazzette pantone" grazie all'improvvisa viralizzazione del suo progetto Instagram #STAILtone. More info

You may also like...

Commenti dal faccialibro


1 Response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *